Inserimento azienda

Compila i seguenti campi per inserire la tua azienda nel nostro sito!
Image Alternative text

Come sarà il prossimo iPhone?

Come sarà il prossimo iPhone?

iPhone 7 Plus con 3GB di RAM? Gli analisti lo confermano...

Il chip A10 progettato da Apple dovrebbe essere un esclusiva del prossimo iPhone e potrebbe avere ben 3GB di RAM, processore il quale dovrebbe equipaggiare iPhone 7 Plus da 5.5 pollici, stando a quanto precedentemente affermato dagli analisti di TrendForce, Deutsch Bank e KGI Securities. DigiTimes ha nuovamente confermato l’indiscrezione affermando che la capacità della DRAM della prossima generazione di iPhone dovrebbe “aumentare da 2GB a 3GB”.

I principali venditori di DRAM come Samsung Electronics, SK Hynix e Micron Technology hanno assistito ad un taglio della produzione nel primo e secondo trimestre, con conseguente diminuzione dell’acquisto delle DRAM ed aumento dei prezzi.

Con l’arrivo di iPhone 7 ed altri smartphone con RAM più performante, potrebbe aiutare a far risalire la domanda per la produzione di memoria nel quarto trimestre di quest’anno facendo così diminuire i costi al momento dell’acquisto.

La fonte si aspetta che il prossimo top di gamma Android passi da 4GB a 6GB, lo sappiamo tutti che Android necessita di quanta più RAM possibile di conseguenza il rumor potrebbe essere fondato.

Non sono esenti i chip per la memoria flash, destinati anch’essi ad aumentare “in particolare dalla prossima generazione di iPhone”, si legge nel report.

Il modello di iPhone 7 da 4.7″ dovrebbe includere 2GB di RAM, come iPhone 6s, iPhone 6s Plus e iPhone SE. Per quanto riguarda iPhone 7 Plus la scelta di utilizzare una RAM più capiente potrebbe essere dovuta alla elaborazione delle immagini scattate dalla fotocamera a doppia lente, questo quanto affermato dall’analista Ming-Chi Kuo della KGI Securities.
Teniamo a ribadire che, essendo solo voci di corridoio ed indiscrezioni vanno prese con le pinze almeno fino a quando Apple non presenterà i suoi prossimi dispositivi a Settembre.

Fonte: italiamac.it