Inserimento azienda

Compila i seguenti campi per inserire la tua azienda nel nostro sito!
Image Alternative text

Shopping come l’influenza...

Lo shopping online è un passaparola, una sorta di influenza. Tendiamo a comprare i prodotti più comprati dalle altre persone. Alcuni studi confermano che nell’acquisto dei prodotti sul web, le persone non badano tanto alla qualità di questi, ma pensano Il passaparola

Il successo dei prodotti online dipendono da quanto successo e visibilità riescono ad acquisire con gli altri. A confermarlo, uno studio dell’Università La Sapienza di Roma e la Cornell University di Ithaca che hanno capito quali sono le logiche che spingono i consumatori a fare il click sul tasto “acquista” dei siti web. E’ quindi sufficiente che la maggioranza del gruppo sociale al quale apparteniamo acquisti un determinato prodotto, per indurre noi stessi ad effettuare il medesimo acquisto. In questo caso, la qualità dei prodotti va in secondo piano, l’importante è che sia popolare tra i nostri amici.

 

Shopping come l’influenza

In un certo senso lo shopping online è paragonabile all’influenza, se una persona è predisposta ad un determinato virus (virus A) ma frequenta persone che hanno il virus B,è più alta la probabilità che prenda il virus B. Così lo stesso avviene con gli acquisti dei prodotti sul web: amici, familiari e conoscenti suggeriscono i prodotti e noi veniamo direttamente influenzati da questi consigli. Lo shopping virtuale funziona in maniera diversa rispetto agli acquisti nei negozi. Secondo Procter & Gamble, nei negozi scatta un attrazione improvvisa tra consumatore e prodotto, e così avviene l’acquisto. Sul web, invece, il “click” di acquisto non avviene quasi mai a prima vista, ma solo dopo diverse interazioni del consumatore che ricerca il prodotto nel sito web e poi se lo ritrova in diverse pagine in momenti temporali diversi (per esempio le pubblicità sui social network).  Quindi, se è vero che i nostri conoscenti influenzano gli acquisti, speriamo almeno di non ritrovarci ad avere tutti le stesse cose.

Fonte vanityman.it